Innovazione

4 gennaio 2018Stefano Voltolini

Dai tuffi alle energy gum, quando lo sport stimola l'impresa

L'Azzurro Maicol Verzotto è ora anche uno startupper di successo. Un milione di «Drive Gum» vendute e un nuovo progetto: gomme naturali per il controllo del peso

Tuffatore e startupper. Maicol Verzotto, classe 1988, è molte cose assieme. Atleta della nazionale italiana tuffi, compagno di specialità e amico di Tania Cagnotto e Francesca Dallapé, ma anche manager, inventore, esperto di business con una laurea in economia e management alla Libera università di Bolzano. La sua Drive Gum, nata nel 2013 per commercializzare le «energygum» che aumentano la concentrazione di chi guida, delle quali sono state testimonial proprio Tania e Francesca, veleggia sul milione di prodotti venduti in quattro anni. E cresce con nuovi progetti.

«Stiamo lavorando a una nuova linea di prodotti al cento per cento naturali che contengano principi attivi per diverse funzionalità, dal controllo del peso all’igiene orale» racconta Verzotto appena dopo essere arrivato, direttamente dalla piscina di viale Trieste, nella nuova sede dell’impresa al NOI Techpark. Maicol crede nel nuovissimo parco tecnologico per l’innovazione coordinato da IDM Alto Adige, l’azienda speciale per l’economia altoatesina. «Posso dire di essere il primo imprenditore che è venuto a lavorarci, quando ancora i lavori non erano finiti – afferma –. Sono fiero di quanto hanno fatto Provincia e città di Bolzano».

Allenamenti e business, insieme

Sport e impresa: in questa storia che ha profonde radici altoatesine e vasti legami internazionali i due elementi sono strettamente legati. Maicol è prima di tutto un atleta. Nato nel 1988 a Bressanone, è cresciuto nella disciplina militando nella Bolzano Nuoto, la stessa società di Tania Cagnotto, specializzandosi nella piattaforma da 10 metri e nel trampolino da 3. Proprio con la campionessa bolzanina ha vinto una medaglia di bronzo mondiale nei tre metri sincro misti ai mondiali di Kazan nel 2015. Nella stessa specialità ha vinto assieme a Elena Bertocchi l’oro agli europei di Kiev 2017. Olimpionico a Rio 2016, è campione italiano assoluto in carica in 4 discipline: piattaforma 10 metri, 10 metri sincronizzato, sincro misto da 3 e 10 metri.

L’idea nata dalla gara in Cina

In forza al gruppo sportivo Fiamme Oro della Polizia di Stato, le gare lo hanno portato praticamente in tutto il mondo: dalle giovanili in poi è stato in Scozia, Germania, Spagna, Russia, Malesia, Thailandia, Romania, Olanda, Svezia, Brasile (per le Olimpiadi di Rio 2016), Cina. L’esperienza internazionale, oltre a una prospettiva allargata e stimoli giusti, gli ha suggerito l’intuizione alla base di Drive Gum. «L’idea che ha poi portato alla startup – racconta – mi è venuta in Cina, dov’ero andato per una gara di coppa del mondo. Notai che tutti i tassisti avevano sempre in bocca una gomma da masticare o nel portaoggetti un barattolino di gomme. Una volta tornato feci degli studi e ne parlai con uno dei miei attuali soci che aveva notato la stessa cosa durante un viaggio a Hong Kong. Il passo successivo fu: perché non sviluppare una gomma che aiuta chi guida a stare sveglio, attento e concentrato, aumentando la sicurezza al volante? Devo ai tuffi questa idea». Un aiuto lo hanno dato Tania e Francesca in veste di testimonial per il lancio. «Sono le mie due migliori amiche. Quando hanno saputo di questa invenzione e vista la loro notorietà mi hanno aiutato a far conoscere il prodotto» aggiunge Maicol.

«Stiamo andando bene. E ora NaturGum»

Ed ecco quindi come è nata Functional Gums, inizialmente supportata dal Tis innovation park di viale Siemens, poi confluito in IDM. Fondata assieme ad altri tre soci, è stata aiutata nella fase iniziale dalla competenza di Marino Verzotto, il padre, a sua volta imprenditore con 40 anni di esperienza nella distribuzione alimentare. Ora sta crescendo. «Stiamo andando molto bene. Ogni anno Drive Gum, nata in Italia, si espande in altri mercati. Va molto bene la Spagna, dove abbiamo chiuso contratti importanti. Cominciamo a vedere una buona rotazione in Danimarca. Le cose iniziano a girare bene. Oltre ad aumentare i fatturati nei Paesi dove siamo già presenti sviluppiamo nuovi prodotti ed entriamo in nuovi mercati». Per l’ultima iniziativa i test stanno per finire. «Stiamo lavorando a un nuovo prodotto, registrato con il marchio NaturGum: il primo portfolio di gomme da masticare funzionali al cento per cento naturali. L’idea è sviluppare nuove gomme come strumento di delivery di principi attivi. Per l’igiene orale, la diminuzione dell’appetito e il controllo del peso e come integratore vitaminico».

Dalla piscina al NOI Techpark

Verzotto non dimentica gli impegni sportivi. Al NOI Techpark è arrivato direttamente dalla piscina («Distante solo 3, 4 minuti di motorino», dice) dove sta preparando i prossimi impegni. «Lo sport – spiega – rimane mio primo lavoro. Questo, parlo dell’azienda, lo vedo ancora come un hobby: invece che giocare a calcetto o uscire a bere un aperitivo mi piace coltivare questa idea, aiutare i miei soci a farla crescere. Andrò a Glasgow (una delle sedi dei Campionati Europei 2018) cercando di confermare l’oro degli europei di quest’anno. Non sarà facile, serviranno tanto impegno e concentrazione».

Startup, la marcia in più nei tuffi

Concentrazione, appunto. Assieme ad autocontrollo, equilibrio e coordinazione. Dall’alto della piattaforma dei dieci metri o dal trampolino si vede il mondo da un’angolazione diversa. Bisogna sgombrare la mente, far confluire le energie in un gesto tecnico estremo che deve tendere alla perfezione. È stata proprio la fiducia in se stesso derivata dall’avventura imprenditoriale a dargli una marcia in più nei tuffi. È Maicol a raccontarlo:«Una cosa che dico quando intervengo come motivational speaker davanti alle aziende è che l’esperienza di Drive Gum mi ha aiutato a capire che il mio talento non viene solo dalla parte fisica. Da quando ho lanciato il prodotto mi sono reso conto che il mio talento è dal punto di vista mentale: come tuffatore infatti non sono né più forte né più veloce di altri. Mi ha aiutato in sintesi ad approcciarmi al mio sport in modo più analitico, statistico, di concentrazione. Non è un caso che i migliori risultati li abbia ottenuti dopo la nascita di Drive Gum. La medaglia al mondiale, la partecipazione olimpica, l’oro europeo».

«Il parco tecnologico, un ambiente fertile. Fiero di questo investimento»

Abituato alle sfide, l’imprenditore crede nell’investimento fatto dall’Alto Adige per far vincere al proprio ecosistema produttivo e della ricerca la scommessa più grande: quella dell’innovazione e dello sviluppo. Il NOI Techpark insomma, il parco tecnologico che guarda al futuro. «Da persona che ha viaggiato in tutto il mondo grazie allo sport, questo parco tecnologico mi riempie di orgoglio. Ci siamo trasferiti qui a fine settembre, quando ancora gli ultimi lavori dovevano terminare. Il primo giorno c’ero praticamente solo io, dato che la maggior parte imprese che lavorano con l’informatica, internet e importanti server avevano bisogno di più tempo per fare trasloco. Per noi è stato sufficiente portare il computer e qualche pacchetto di gomme. Ho visto l’ultima fase di crescita che ha condotto all’inaugurazione e agli open days. È un ambiente fertile. Ringrazio IDM che ci ha portato qui, ci protegge, ci aiuta nella nostra crescita. E sono veramente molto fiero della provincia di Bolzano e della mia città per aver creato qualcosa di così importante e di così grande valore».

 

Scheda

Functional Gums srl, una delle prime realtà che si sono accasate al NOI Techpark, è l’azienda nata nel 2013 (una startup cresciuta, quindi) fondata da Maicol Verzotto assieme ad altri tre soci. Uno di questi è Nazareno Mario Ciccarello. I due si sono conosciuti sulle piattaforme dei tuffi e Ciccarello ha messo a disposizione la sua esperienza nel settore farmaceutico. L’azienda ha una particolarità che i soci sottolineano: fin dalla sua nascita la società ha adottato una politica di autofinanziamento, partendo con un capitale di 40mila euro e senza mai chiedere né soldi né fidi in banca.

Riguardo all’offerta, il prodotto principe, che presto verrà affiancato dalla nuova linea, è Drive Gum. Una gomma da masticare senza glutine e zuccheri che grazie al suo contenuto di caffeina e guaranà aumenta la concentrazione di chi guida, favorendo la sicurezza e aiutando a ridurre gli incidenti sulle strade. Un pacchetto di Drive Gum con 12 gomme ha lo stesso contenuto di 6 caffè oppure di 4 energy drinks. I mercati di riferimento, oltre all’Italia, sono Spagna, Slovenia, Romania, Germania, Libano, Cipro, Belgio, Scandinavia, Giordania, Croazia.

L’azienda che finora ha venduto un milione di chewing gum continua il suo percorso di crescita. Alla sua fondazione era stata sostenuta dal Tis innovation park di via Siemens, poi confluito in IDM Alto Adige, l’azienda speciale di Provincia e Camera di commercio di Bolzano per lo sviluppo dell’economia altoatesina. Dalla nuova sede al NOI Techpark, il parco tecnologico per il salto di qualità dell’innovazione altoatesina gestito da IDM, Functional Gums srl lavora alla nuova linea di prodotti con gomma vegetale, «100% naturale», che veicolerà diversi principi attivi per precise finalità: dal controllo del peso all’igiene orale.