Innovazione

11 gennaio 2018Enrico Albertini

L’habitat naturale per chi vuole lavorare e vivere felice: dati e immagini per raccontare l’Alto Adige

Un'infografica interattiva e un video emozionale per tuffarsi nell’ecosistema altoatesino. Pochi secondi per un viaggio in cinque tappe

Un viaggio all’interno dell’ecosistema Alto Adige. Fatto di grafica e numeri. Cifre che scattano una fotografia a 360 gradi del territorio altoatesino, delineando così una carta d’identità di facile scorrimento. C’è un nuovo strumento disponibile sul nostro portale per muoversi all’interno dell’ecosistema altoatesino. Un’infografica di agile scorrimento che potete trovare all’indirizzo http://ecosistema.verticalinnovation.it. Parlavamo di un viaggio perché è proprio quello il senso che si vuole dare allo strumento: la possibilità di muoversi velocemente fra le varie sfaccettature che compongono il mosaico altoatesino. L’innovazione, infatti, permea capillarmente tanti settori. E il sito che racconta quella verticale, tipica dell’Alto Adige, in fondo non poteva che dare il buon esempio, aggiungendo sempre più informazioni utili (e facili da raggiungere) per l’utente.

Un viaggio in cinque tappe

Sono cinque i macrotemi nei quali si articola l’infografica. Efficienza e supporto alle imprese, il primo. Uno spaccato che racconta come si muove il mercato in Alto Adige, misura la velocità e l’efficienza della pubblica amministrazione, regala in pochi secondi il quadro dei contributi che chiunque abbia voglia di fare impresa può ottenere. E poi ci sono i confronti con la situazione nazionale per quanto riguarda il fisco e l’accesso al credito: la differenza si può così cogliere con una rapida occhiata. Centri di ricerca all’avanguardia, il primo parco tecnologico ispirato alla natura (il NOI Techpark), un contesto plurilingue e proiettato sui mercati internazionali. E una ricca rete di partner, ai quali accedere attraverso IDM Alto Adige: questo è quanto approfondito nella seconda tappa del viaggio, «autonomia e stabilità economica». Pil, export, autonomia e quant’altro vengono raccontati in cifre e diagrammi. C’è poi l’attenzione all’ambiente, a quella natura maestra di innovazione verticale. Energie rinnovabili, banda larga e ricerca sono al centro della terza area. L’ambiente altoatesino arriva costantemente allo sguardo di chiunque viva in Alto Adige. Un «punto di ricarica» naturale sempre a disposizione.

Non poteva mancare una sezione dedicata al NOI Techpark, tappa obbligata nel viaggio all’interno dell’innovazione altoatesina. Un investimento da oltre 120 milioni di euro che ha visto il primo parco tecnologico ispirato alla natura venire inaugurato, perfettamente nei tempi previsti, nell’autunno del 2017. Un’area di 13 ettari, una storica vecchia fabbrica, che ospita centri di ricerca, aziende affermate, startup. Là dove le idee nascono, si confrontano e crescono. C’è poi un’altra tappa del percorso sulla quale vale la pena di soffermarsi: l’habitat. Perché per lavorare e fare impresa alla grande bisogna prima di tutto vivere bene. Ed è questa una scommessa che l’Alto Adige sa di poter vincere. Una qualità della vita invidiabile, in città incastonate fra panorami mozzafiato. Vale la pena andarsi a vedere i dati che descrivono come si vive sul territorio altoatesino. Fino ad arrivare all’ultimo, che in fondo li può riassumere tutti: l’indice di felicità della popolazione, molto elevato. E se invece avete solo 80 secondi, e poca voglia di navigare, ecco l’altra grande novità del restyling del portale, tuttora in atto e che nel corso di questo inizio 2018 regalerà presto ancora novità: il video che compare in home. E che vi proponiamo anche qui sotto, per completare il viaggio nell’ecosistema.